Ambiti di Ricerca

Progetti Nazionali La sezione di Malattie Infettive è stata impegnata nei seguenti progetti: Studi Clinici Multicentrici riguardanti protocolli diagnostico/terapeutici su: a) osteomieliti croniche (Studio Multicentrico della SIMIT delle Infezioni Osteoarticolari); b. infezioni difficili da Gram positivi (Studio EU-CORE European Cubicin® Outcomes Registry and Experience, for the Treatment of Serious Gram positive Infections, in coll. con Novartis Italia, c. infezioni della Cute e dei Tessuti Molli (Studio Multicentrico SIMIT delle SSTI), Dalbavancina nelle "Acute Bacterial Skin and Skin Structure Infections" (ABSSSI); Progetto regionale dal titolo: Silent intracellular infections (Ureapasma urealyticum, Chalamydia trachomatis) and early pregnancy loss" condotto nell'ambito del Programma di Ricerca Regione-Università, in collaborazione con: 1) Unità di Ricerca di Fisiopatologia della Riproduzione Umana e Poliabortività, Università di Ferrara (Italia), (Responsabile: Dott.ssa Roberta Capucci), 2) Unità di Ricerca di Malattie Infettive, Università di Ferrara (Responsabile: Prof. Carlo Contini), 3) Unità di Ricerca di Biologia Cellulare e Genetica Molecolare, Dipartimento Riproduzione e Accrescimento, Università di Ferrara (Responsabile: Prof. Mauro Tognon); Progetto integrato di Razionalizzazione delle Risorse Cliniche e Laboratoristiche nel Governo clinico dell’infezione da Virus dell’epatite B in Emilia Romagna (HBV-Regione Emilia Romagna) e studio epidemiologico delle Epatiti Croniche virali in particolari popolazioni migranti a Ferrara ed elaborazione di strategie di implementazione dell’accesso al SSN; Progetto di Ricerca Regione Emilia Romagna-Università (Area 1°- Innovative Research, 2007-2011 dal titolo: “Regional Network for implementing a Biological Bank to Identify Markers of Diasease activity to Clinical Variables in Multiple Sclerosis” (fondo assegnato: € 712.600,00) Progetti di Ateneo Studi epidemiologici, diagnostici e terapeutici riguardanti l’infezione da SARS-CoV-2 e COVID-19. In particolare, la sezione di Malattie Infettive, ha fornito, in collaborazione con la Sezione di Microbiologia e Dipartimento di Morfologia ed Embriologia contributi significativi in ambito diagnostico (test immunodiagnostici innovativi per l’identificazione di anticorpi sierici anti-SARS-CoV-2, studio del microbiota orale, determinazione della risposta anticorpale nel fluido congiuntivale dei pazienti affetti da infezione da SARS-CoV-2, possibile impiego dell’ Alpha-1 antitrypsin (AAT) per il trattamento del COVID-19); Sviluppo e validazione di questionari sulla conoscenza della Tubercolosi (TB) in soggetti stranieri provenienti da aree ad elevata endemia per TB; Studio osservazionale monocentrico volto a valutare l’outcome nei pazienti con diagnosi di Malattia Neuro-Invasiva da West Nile Virus (WNND) – Studio approvato (n. 140790) dal Comitato Etico Provinciale di Ferrara. Altri progetti Progetto inerente l’infezione da HIV (Role of Immunologic Markers as Possible Predictors of Cardiovascular Risk in HIV Positive Patients Undergoing Virologically Suppressed Antiretroviral Therapy), da Chlamydia pneumoniae e Chlamydia trachomatis (Role of Chlamydia in Pathogenesis of Ocular Lymphomas of MALT Type”), da infezioni opportunistiche (Pneumocystis jiroveci, Toxoplasma gondii, Cytomegalovirus, EBV e da Leishmania infantum), in pazienti trattati con inibitori di TNF-a (farmaci biotecnologici), responsabili di severe patologie potenzialmente riattivabili quando si stabilisce un grado severo di immunodepressione; Progetto inerente l’infezione da Leishmania infantum (progetto di ricerca dal titolo: “Human Asymptomatic Leishmania infantum infection in Patients With Chronic Rheumatic Diseases Treated With Biological Agents and Living in Rural Areas of Northern Italy” in collaborazione con l’Università di Nizza (Francia) e di Glasgow (Scozia) e studio inerente lgli aspetti metabolomici del protozoo (Metabolomics analysis of 6-aminonicotinamide treated Leishmania promastigotes) in collaborazione con la Sezione di Biochimica e Biologia Molecolare (Prof. T. Bellini e S. Hanau) e l’Istituto Zooprofilattico di Emilia Romagna e Lombardia. Progetto inerente l’infezione malarica “Growth of the malaria parasite, Plasmodium falciparum, in red blood cells of individuals with familial flavin deficiency” in collaborazione con l’Università di Camberra (Austalia) - Protocol: 2011/168. Studi epidemiologici sulle infezioni nella Storia della Medicina (Sifilide, Tubercolosi, Lebbra, Colera, ecc) Atri argomenti di ricerca riguardano le Infezioni del Viaggiatore e del Migrante (sito personale docente: http://www.unife.it). La Sezione di Malattie Infettive è stata inserita in passato nell'ambito del Centro di Ateneo dell'Università di Ferrara per la Cooperazione allo Sviluppo Internazionale e partecipa a progetti di formazione con alcuni Paesi del Continente Africano. La ricerca di base è incentrata fondamentalmente sull’applicazione di test diagnostici relativi ad alcune infezioni virali, batteriche e parassitarie. La Sezione di Malattie Infettive dispone di un proprio laboratorio sito in via Fossato di Mortara 64b, dotato di attrezzature scientifiche per indagini diagnostiche avanzate (colturali, immunologiche e molecolari) ed in grado di integrarsi con il laboratorio analisi dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria e con il Servizio Specialistico di Igiene Pubblica dell'Azienda ASL di Ferrara. Il laboratorio della Sezione di Malattie Infettive ha contribuito ad allestire kit diagnostici molecolari per Chlamydia trachomatis (REALQUALITY RS-CHLAM T, code RQ-S33: Kit for identification and quantification of the Chlamydia trachomatis, AB Analytica Advanced Medicine).