Nicola Marzot nasce ad Imola (Bologna) il 27 Novembre 1965. Si laurea con lode nel 1994 presso la Facoltà di Architettura di Firenze con il prof. Mario Zaffagnini con una tesi sul rapporto tra Morfologia Urbana e Tipologia Edilizia a Ferrara dal titolo “Lettura di un campione di tessuto edilizio ferrarese: dall'ipotesi di originario aggregato rurale al raggiungimento di una dignità urbana in epoca medievale”.
Dopo essere stato cultore della materia (1994-95) e professore a contratto (1995-96/1996-97/1997-98) per il corso di "Analisi della morfologia urbana e delle tipologie edilizie", presso la Facoltà di Architettura di Ferrara; di "Teorie della ricerca architettonica contemporanea" (1997-98) e di "Caratteri tipologici e morfologici dell'architettura" (1998-99), presso la Facoltà di Architettura di Firenze, dal 1998 è dottorando di ricerca presso la Facoltà di Ingegneria di Bologna, Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale (Tutor Prof. Pier Luigi Giordani).
Conseguito il titolo di Dottore di ricerca in “Ingegneria edilizia e territoriale” nel 2000, discutendo una tesi dal titolo “La città come rappresentazione. Linguaggio, tipo e processualità nel progetto urbano contemporaneo”, dallo stesso anno è professore a contratto per il corso di "Analisi della morfologia urbana e delle tipologie edilizie", presso la Facoltà di Architettura di Ferrara, e del Laboratorio di "Tecnica urbanistica I", presso la Facoltà di Ingegneria di Bologna.
Dal 2004 è ricercatore in Composizione Architettonica e Urbana presso la Facoltà di Architettura di Ferrara e responsabile del “Laboratorio di Progettazione I A” (2004-05/2009-10); del “Laboratorio di Progettazione 2 B (2009-10/2011-12); del Laboratorio di Sintesi Finale A (2012-13/2013-14), del Laboratorio di Progettazione 4 C (2014-15/ in corso), del Modulo di “Analisi Morfologica e Tipologica” nel “Laboratorio di Sintesi Finale B_Restauro Architettonico” (2017-18/ in corso). Dall’Anno Accademico 2017-18 è docente responsabile del Modulo di “Environmental Design” nel “Laboratorio di Design Thinking Method” della Laurea Magistrale internazionale in “Innovation Design”. Ottenuta l’Abilitazione Scientifica Nazionale nel 2013 nel SSD ICAR 14, dal 2016 è Professore Associato in Composizione Architettonica e Urbana presso il Dipartimento di Architettura di Ferrara. Nel 2017 ha ottenuto l’Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore di I Fascia, SSD ICAR 14. E’ stato docente del Master in City Management (Facoltà di Architettura di Ferrara, 1995-96/1996-97/1997-98), del Corso di Perfezionamento in Ingegneria del Territorio (Facoltà di Ingegneria di Padova, 1995-2002) e del Master in Riqualificazione Urbana (Oikos/Facoltà di Architettura di Ferrara, 2002-03).
Svolge la propria attività di ricerca nel campo delle "teorie e metodi della progettazione architettonica e urbana", intesi quale esito costantemente aggiornato di una sistematica riflessione sui temi della riqualificazione e rigenerazione delle aree dismesse e dei luoghi dell'abbandono della città europea, generati dai processi di globalizzazione socio-economica, a partire dalla seconda metà degli anni 70 del secolo scorso. In particolare, l’ambito disciplinare prescelto viene indagato avvalendosi strumentalmente di una critica originale, riveduta e aggiornata alla prova dei fenomeni urbani contemporanei, del rapporto tra morfologia urbana e tipologie edilizie, iscritto in una prospettiva ciclicamente dinamica della realtà sociale.
Su questi aspetti, in particolare, si segnala la partecipazione aI PRIN "Funzione e figura delle architetture pubbliche e servizi per lo sviluppo sostenibile delle aree metropolitane: Firenze, Milano, Napoli, Mestre", con l’Unità Operativa Locale della Facoltà di Architettura di Firenze (2000/2002), e al PRIN "Re-Cycle Italy" con l'Unita' Operativa Locale dello IUAV (2013/2016).
Il processo di internazionalizzazione del proprio curriculum si avvale della collaborazione con prestigiose istituzioni universitarie. E’ stato lecturer presso la Facoltà di Architettura di Hosei University, Tokyo e la Facoltà di Architettura dell’Università di Lund, Svezia. Dal 2006-07 insegna in maniera continuativa presso il Department of Architecture and the Built Environment del Politecnico di Delft, Olanda, presso la Chair of Public Building, prima in qualità di Visiting Associate Professor, poi in qualità di Assistant Professor (2009-10/ in corso), a seguito del conseguimento, tramite concorso pubblico, di una Hight Potential Position. L’attività didattica viene maturata nei corsi di Master Internazionale, sia attraverso la responsabilità di Laboratori progettuali di Tesi (Msc 3&4) che di insegnamenti teorici (Lecture Series & Seminars). Dall’Anno Accademico 2015-16 svolge attività didattica anche Presso l’ExploreLab e il Delta Intervention Group. Nella stessa Facoltà ha completato il suo secondo International Ph.D. in Architectural Design (difesa: 4 Dicembre 2014, Tutor Prof. Sergio Umberto Barbieri) dal titolo “Beyond the typological discourse. The creation of the architectural language and the type as a project in the western modern city” e svolge regolare attività di ricerca, in continuità con gli interessi perseguiti in Italia, sulle reti di città (Network City) e l'architettura dell'ibrido, analizzando la stringente dialettica tra hub infrastrutturali intermodali di rango sovranazionale e processi di de-territorializzazione del paesaggio locale.
Vanta una intensa attività pubblicistica. Vicedirettore di Paesaggio Urbano e redattore delle riviste internazionali Urban Morphology, OP/Opera Progetto e Rassegna (diretta da François Burkhardt), è autore di oltre 280 scritti sulla teoria e la pratica del progetto urbano, parte dei quali presentati in occasione della partecipazione a numerosi convegni nazionali ed internazionali.
Ha ricoperto diversi incarichi istituzionali. Dal 2002 è consulente urbanistico di Oikos Centro studi sull’abitare e dell’Osservatorio Immobiliare di Nomisma S.p.a., di cui è Responsabile Urbanistica a partire dal 2006. Dal 2009 è Coordinatore Tecnico della Commissione per la Qualità Architettonica e Paesaggistica (CQAP) del Comune di Ravenna, risultando vincitore di concorso pubblico a titoli. Dal 2012 è consulente di FS Sistemi Urbani, società del gruppo RFI avente come missione la valorizzazione del patrimonio immobiliare dismesso, non più strumentale all’attività ferroviaria. Nel 2012 è stato coordinatore del tavolo tecnico “Rigenerazione Urbana e Usi Temporanei”, per conto della Provincia di Bologna, nel Piano Strategico Metropolitano. Dal 2015 è consulente di CdP Investimenti Sgr. E’ stato membro del comitato scientifico di MARKITECTURE, manifestazione internazionale di architettura promossa dall’Ente Fiera di Bologna, e membro del comitato organizzatore e co-curatore del Padiglione Italia della X Biennale Internazionale di Architettura di Venezia, responsabile Prof. Franco Purini. Nel 2014 è stato curatore del padiglione olandese alla IV Biennale Internazionale di Architettura di Mosca con Susanne Komossa. Dal 2005 è membro del Council dell'ISUF, International Seminar on Urban Form. Dal 2006 al 2009 è Segretario Generale della medesima istituzione. Dal 2010 entra a far parte del Laboratorio TEKNEHUB, Centro Interdipartimentale di ricerca afferente al Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete dell’Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna, area TH3: Diagnostica e Conservazione. Dal 2012 e' membro dell'associazione Pro-Arch, divenuta nel 2017 Società Scientifica Nazionale dei SSD ICAR 14/15/16, nella quale viene nominato nel 2018 delegato rappresentante del Dipartimento di Architettura di Ferrara. Nel 2017 viene candidato al CUN come rappresentante dei Professori di II fascia. Dal 2017 è coordinatore della Commissione Paritetica Docenti e Studenti /CPDS) del Dipartimento di Architettura di Ferrara. E’ membro del collegio dei docenti dell’IDAUP (International Doctorate on Architecture and Urban Planning). E’ stato membro di numerose commissioni concorsuali, nazionali e internazionali, universitarie e di progettazione.
L’attività sperimentale è coerente con gli interessi di ricerca, e strumentale ad un relativo continuo aggiornamento. Dal 1996 svolge attività professionale a Bologna, contitolare dello studio di progettazione PERFORMA A+U, con particolare interesse nel campo della progettazione urbana complessa e del rapporto tradizione/innovazione negli interventi sul patrimonio edilizio esistente.
Tra le realizzazioni più significative si ricordano la nuova sede della Coop Adriatica a Villanova di Castenaso, Bologna (progetto 1997-1999; costruzione 1999-2002); un albergo di 220 stanze per la catena Jolly Hotel a Villanova di Castenaso, Bologna (progetto 1998-2000; costruzione 2000-2002); un edificio residenziale nel quartiere INA CASA “Barca” (progetto 2001, costruzione 2004-2005) e i Masterplan per l'ex scalo merci Ravone e l'ex area OMA a Bologna per conto di FS Sistemi Urbani (approvati dal POC "Rigenerazione di Patrimoni Pubblici" del 2015). Attualmente sta sviluppando il progetto di rigenerazione dell'ex caserma Pozzuolo del Friuli a Ferrara per conto di CdP Investimenti Sgr, per la realizzazione di una cittadella universitaria dell’accoglienza internazionale.
E’ autore del progetto per il "Parco delle Stelle", la nuova città dello Sport del Comune di Bologna, ufficialmente candidata dall'Italia a ospitare i Mondiali di Basket del 2014. Ha partecipato a numerosi concorsi internazionali di progettazione urbana, conseguendo vittorie e segnalazioni. Nel 2007 il suo raggruppamento (MVRDV, PERFORMA A+U, Arcadis e Atelier 10) è stato selezionato tra i 12 finalisti del Concorso Internazionale di progettazione per la nuova Stazione Alta Velocità di Bologna.