ANGELA MARIA ANDRISANO
Professore Straordinario
Settore scientifico-disciplinare L-FIL/05 (Filologia classica)
Università di Ferrara - Dipartimento di Scienze Umane



CURRICULUM VITAE


La sottoscritta, Angela M. Andrisano, si è laureata a Bologna in Letteratura greca (relatore prof. C. Del Grande), riportando voti 110 su 110, la menzione di lode e la dignità di stampa.
Esercitatrice presso l'Istituto di Filologia classica e Medioevale (Università di Bologna) per la I cattedra di Letteratura greca (titolare: prof. B. Marzullo ), a partire dal 1 Novembre 1969, ha vinto una borsa di studio di addestramento didattico e scientifico , con decorrenza 1-2-1970. Contrattista presso la medesima Cattedra con decorrenza 1-4-1974, è stata quindi giudicata idonea a ricoprire un posto di Ricercatore confermato con decorrenza 1-8-1980.
Ha prestato attività di ricerca presso l'Istituto di Filologia Classica e Medioevale (Università di Bologna) fino al 31-3-1983 e dall'1-4-1984 al 29-2-1996 presso il Dipartimento di Filologia Classica e Medioevale della stessa Università. Dal 1-3-1996 è in servizio presso l'Università di Ferrara (Istituto di Filologia Classica e Moderna) e attualmente presso il Dipartimento di Scienze Umane della stessa Università. Dal 1 nov. 2000 è professore associato (straordinario) di Filologia Classica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Ferrara. Dal 1 nov. 2004 è professore associato confermato di Filologia Classica. Dal 31 dicembre 2010 è professore ordinario di Filologia Classica.

Attività scientifica

Gli ambiti di ricerca privilegiati sono i seguenti:
1. Poesia epica arcaica : Omero ed Inni omerici. Sulla base di un approccio filologico ed esegetico, sono stati affrontati problemi di linguaggio formulare e di cronologia relativa all'interno dei poemi e tra Inni e poemi stessi. Oggetto di analisi è stata anche la dizione degli Inni (in particolare Inno a Pan ed Inno ad Hermes) in relazione alla poesia lirica arcaica, nonché la ricezione di questa produzione pseudoepigrafa nella poesia posteriore. Recentemente si è dato avvio in collaborazione con Stefano Bruni e Cornelia Kerènyi ad una ricerca sull'Inno VII a Dioniso per stabilirne il contesto culturale di riferimento anche attraverso un'indagine sull'iconografia arcaica e classica.
2. Lirica arcaica: Archiloco, Saffo, Alceo. Dei tre autori si sono affrontati passi problematici dal punto di vista filologico o esegetico. I frammenti sono stati analizzati anche in relazione alla struttura compositiva e nei rapporti con la lingua tradizionale dell'epica. Ne è stata altresì indagata la ricezione nella tradizione letteraria successiva, con particolare attenzione alla poesia di Orazio e ai dialoghi lucianei. Particolare attenzione è stata rivolta alle caratteristiche giambiche della poesia non solo archilochea, ma anche saffica e alcaica, di cui si sono valutati gli aspetti della performance e del relativo auditorio.
3. Teatro greco di epoca classica: analisi filologica, esegetica e drammaturgica di passi problematici tragici e comici. Autore privilegiato è Aristofane: si è indagato il nome parlante come generatore di comicità, nel tentativo di gettare luce, partendo dal testo, sul contesto della commedia in questione. Si è rivolta inoltre attenzione all'interlocuzione, alle parti metateatrali, in particolare riguardanti le innovazioni musicali (Ferecrate, Aristofane), orchestiche (attacchi a Cinesia e funzione spettacolare dei cori comici) e alla relazione comunicativa con il pubblico. Nell'ambito di questo filone di ricerca si è considerata fonte privilegiata il Simposio di Senofonte, utile per una storia delle forme spettacolari minori (danza e mimo), nonché il De saltatione di Luciano. La Poetica di Aristotele, punto di riferimento nello studio dei testi teatrali, è stata oggetto di una riflessione costante che ha fruttato nuove ipotesi interpretative. L'indagine sulle relazioni tra genere comico e tragico ha favorito riflessioni, verifiche sulla costituzione del testo e sull'interpretazione di sezioni di testi tragici di Eschilo, Sofocle e più recentemente di Euripide.
Si sta occupando ora delle Ecclesiazuse di Aristofane per approntare un commento che tenga in particolare considerazione gli aspetti performativi.
4. Poesia ellenistica: Teocrito. Un preliminare approccio di carattere filologico ha portato conseguentemente ad analizzare l'allusività di questa poesia dotta, ad evidenziare i rapporti del genere bucolico con la tradizione poetica precedente (anche teatrale), a mettere in luce la qualità degli scarti e delle innovazioni e la ricezione del poeta bucolico in ambito latino e rinascimentale.
5. Prosa imperiale: Luciano. Individuazione di ipotesti e analisi delle dotte e umoristiche rielaborazioni in funzione del pubblico colto.
6. Storia della tradizione classica: Si è privilegiato anche in questo settore l’ambito drammaturgico (dramma pastorale), rivolgendo soprattutto attenzione a testi teatrali (G.B. Giraldi Cinzio, Egle; A. Beccari, Il sacrificio; T.Tasso, Aminta) e a testi teorici (G.B.Giraldi Cinzio, Lettera sovra il comporre le Satire atte alla scena; T.Tasso, Discorsi dell’arte poetica e del poema eroico; F.Patrizi, Poetica). Dell' Aminta di T. Tasso si sono evidenziati i legami intertestuali con i testi drammaturgici greci e latini. Si è scelto a campione il monologo di Satiro, per indagare i rapporti di questa favola boschereccia con la tradizione della favola pastorale, ma soprattutto con quella del teatro classico, in particolare in rapporto alla tragedia euripidea (letta dal Tasso in traduzione latina), e alle forme del dramma satiresco. La stessa operazione è stata condotta sulll’Egle di G. Giradi Cinzio.
7. Le biblioteche del mondo antico: storia e ricostruzione di biblioteche antiche fino all’epoca imperiale. Una rilettura dell'opera lucianea adversus indoctum ha permesso di ricostruire per via indiziaria la presenza nella biblioteca virtuale di Luciano delle odi alcaiche, quale modello per una rielaborazione in chiave retorico-sofistica della tradizione giambica arcaica.
8. Mito: il mito (Orfeo, Amazzoni, Eracle) viene affrontato in relazione alle sue metamorfosi e alla relativa funzione in ambito letterario (poesia e prosa) secondo procedimenti che vanno dalla semplice citazione, alla evocazione, al racconto, alla stesura drammaturgica.



Ricerca


Ha regolarmente guidato, fin dal 1970, gruppi di ricerca 60%. (o vi ha partecipato) presso il Dipartimento di Filologia Classica dell’Università di Bologna e dal 1996 presso il Dipartimento di Scienze Umane di Ferrara.
E’ stata responsabile di una unità operativa (Università di Ferrara) di un progetto di ricerca nazionale (quota 40%) coordinato dal prof. B. Marzullo (Università di Roma II ) dal titolo Studi di Lessicografia greca antica per gli anni 1995 e 1996 e precedentemente, a partire dal 1970, ha fatto parte dell’unità operativa guidata dal prof. V. Tammaro (Università di Bologna) di progetti 40% coordinati dal prof. B. Marzullo.
Ha partecipato (1998-9) ad un progetto coordinato dal prof. P.Trovato (Università di Ferrara), per il quale ha lavorato sul Lessico teatrale greco.
E’ stata altresì responsabile scientifico (Università di Ferrara) di una ricerca CNR su Il giambo greco e latino (coordinatore nazionale: prof. Alberto Cavarzere -Università di Trento) negli anni 1996-1997-1998.
Ha partecipato come collaboratrice esterna dell’unità operativa dell’Università di Torino ad un progetto 40% (1999-2000) coordinato dal prof. L. Canfora su La ricezione dei testi greci nella realtà imperiale mediterranea: il progetto dell’unità torinese aveva come oggetto il tema Testi greci e mondo romano: ripresa di temi e modelli comunicativi.
Ha guidato l'unità operativa dell'Università di Ferrara nell'ambito di un progetto nazionale (ex-40% 2001-2002) Il commento come fattore della tradizione dei testi: da Alessandria al tardo-antico, da Fozio ai primordi dell'Umanesimo, coordinato dal Prof. L.Canfora, guidando una ricerca riguardante Il materiale scoliastico in relazione alla costituzione e all'esegesi dei testi drammaturgici e dialogici.
Ha guidato la stessa l'unità operativa dell'Università di Ferrara nell'ambito di un progetto nazionale (ex-40%) coordinato dal Prof. L.Canfora (2003-2004): il tema dell'unità ferrarese riguardava Le biblioteche degli scrittori comici e umoristici dall'età classica all'età imperiale.
È stata responsabile dell'unità di ricerca ferrarese nell'ambito del PRIN 2007, il cui coordinatore scientifico nazionale è il prof. Franco Montanari (Univ. di Genova). Il progetto di ricerca verte sulle Ricognizioni bibliografiche della tragedia greca, sulle relative fonti iconografiche e sulla fortuna del teatro antico in ambito rinascimentale, per la banca dati dell'Année Philologique. Ed ora è ugualmente responsabile dell'unità di ricerca ferrarese nell'ambito del PRIN 2009 sullo stesso argomento.
Ha sempre goduto annualmente di finanziamenti locali (Univ. di Ferrara) ex 60% come responsabile di progetto, come componente di un gruppo di ricerca interdisciplinare e interdipartimentale (FAR 2007-2008) sul mito di Orfeo (Il mito di Orfeo nella arti dello spazio e del tempo) coordinata dal collega musicologo prof. Paolo Fabbri e (FAR 2008-9) sul mito degli argonauti. Per il FAR 2010-2011, 2012-13 è stata coordinatrice di un progetto interdisciplinare sulla tradizione e ricezione del mito di Eracle nelle arti del tempo e dello spazio. Vi partecipano i colleghi Matteo Galli (germanista), Daniele Seragnoli (storico del teatro), Stefano Bruni (etruscologo), Alberto Boschi (storico e filologo del testo cinematografico), Ada Patrizia Fiorillo (storica dell’arte contemporanea.



Partecipa ad un gruppo di ricerca dell’Istituto di Filologia greca di Barcellona: Nome: “Estudis de literatura grega antiga i la seva recepció”, finanziato dalla Generalitat de Catalunya (2009SGR799) con 37.600€ per il periodo 2009-2013.
sito: http://stel.ub.edu/literatura-grega

Collabora con i colleghi dell’ École Normale Supérieure (Parigi) al Labex Transfers & Center for Hellenic Studies, iMouseion Project (Harvard University). Ha in preparazione un commento alle Ecclesiazuse di Aristofane da mettere on line nell’ambito del progetto


E’ coordinatore del dottorato di Studi Umanistici e Sociali (SUS) ed ora di Scienze Umane (SCUM)(a partire dal XXIX ciclo).

E’ stata tutor di Daria Bertolaso, Elena Pavini, Leonardo Fiorentini e di Cinzia Boccaccini.

Già membro del Consiglio della ricerca dell’Università di Ferrara (2007-2008), è stata rieletta per il triennio 2012-15.

Convegni congressi e seminari

A fini di aggiornamento ha partecipato con regolarità agli appuntamenti più importanti, a carattere nazionale ed internazionale, in sede e fuori sede. Ha seguito la maggior parte dei corsi tenuti dai visiting professors di turno presso il Dipartimento di Filologia classica dell’Università di Bologna. Ha regolarmente organizzato ogni anno con docenti di altre università italiane e straniere lezioni o seminari presso il Dipartimento di Scienze Umane dell'Università di Ferrara. Ha tenuto ripetutamente seminari e/o conferenze presso le Università di Torino, Trento, Venezia, Pavia, Modena, Palermo, Bologna, Urbino, Roma, Roma II, Napoli, Parigi, Lille, Nantes, Barcellona, Valencia, Tallahassee.

Relazioni a Convegni e Congressi

- 1991-XIII Congresso internazionale di studi sul dramma antico (Siracusa, 6-9 Aprile), dedicato a Dramma satiresco, mimo, atellana, togata e altre forme di spettacolo: comunicazione dal titolo Teatro del corpo e teatro della parola in Grecia e Magna Grecia.
- 1993 -XIV Congresso internazionale di studi sul dramma antico (Siracusa, 27-30 aprile), sul tema Fare oggi teatro antico: Esperienze, problemi, metodi: comunicazione dal titolo Appunti per una analisi drammaturgica dei testi classici (EUR. Med.1385 ; ARISTOPH. Av. 1 ss.).
- 1995- Convegno di studi Torquato Tasso e l'Università (Ferrara, 14-16 dicembre): relazione dal titolo Il Satiro dell'Aminta e la sua tradizione classica.
- 1997- Convegno di studi su Francesco Patrizi (Ferrara, 21-23 maggio): relazione dal titolo Patrizi e il meraviglioso: le fonti classiche.
- 1998- Colloquio internazionale (Trento, 26-27 novembre) su Il giambo in Grecia e a Roma: relazione dal titolo Motivi giambici nella lirica alcaica.
- 2001 Convegno Internazionale (Friburgo 5-7 luglio) Spoudaiogeloion. Form und Funktion der Verspottung in der aristophanischen Komoedie: relazione dal titolo Empusa, nome parlante (Aristoph. Ran. 288ss.)?
- 2002 Colloque international, Toulouse (7-9 mars) Symposium. Banquet et représentations en Grèce at à Rome. Relazione dal titolo Le performances du Symposion de Xénophon.
- 2003 Bologna-Ravenna (9-14 giugno) 12th International Colloquium on Latin Linguistics. Titolo relazione: Le Erinni apteroi in Aesch. Eum. 51.
- 2003 Trento (24 - 25 giugno) Convegno su Mito e nuova drammaturgia europea nell'ambito del Festival Europeo "Officine dei Teatri". Titolo relazione: Pilade agente segreto nell' Elettra di M. Yourcenar.
- 2004 (Ferrara, 30 novembre 1-2 dicembre Biblioteca Ariostea) Giovan Battista Giraldi Cinzio Nobiluomo ferrarese . Convegno di Studi nel V Centenario della nascita. Titolo relazione: La lettera overo discorso di G. Giraldi Cinziosovra il comporre le satire atte alle scene: tradizione aristotelica e innovazione.
- 2006 Lille (8 marzo) Journée sur "La comédie d'Aristophane et son public" Titolo relazione: Le public féminin du théâtre grec. A propos de la Lysistrata d’Aristophane.
- 2007 Locarno (27 aprile) Le roccaforti del mondo. Da Ilio a Guantanamo. La storia infinita del trauma e della cura. Titolo relazione: I personaggi di Prometeo e di Io nel Prometeo incatenato: due sindromi confrontabili?
- 2007 Verona (14-16 giugno) Funzioni, interpretazioni e rinascite del coro drammatico greco. Facoltà di Lettere. Partecipazione alla tavola rotonda conclusiva.
- 2007 Tallahassee, Florida (3 novembre) Lyric Interactions: Greek-Latin / Latin-Latin” (Langford seminar, Director: Prof. Stephen Harrison, Corpus Christi College,Oxford). Titolo relazione: The impact of Archilochus and Hipponax on Horace's Epodes.
- 2008 Lille (14-15 marzo 2008) En présence de Diego Lanza. Journées d’étude : Diego Lanza, lecteur des œuvres de l’Antiquité, Univ. Lille 3, UMR 8163 « Savoirs, textes, langage », avec le soutien de la MSH Nord-Pas-de-Calais, CRIA (EHESS, Paris). Partecipazione alla tavola rotonda con un intervento su D.Lanza, studioso della Poetica aristotelica.
- 2008 Barcelona (24-25 aprile 2008) Els gèneres del teatre grec - greek drama and its genres (Dipartimento di Filologia classica, Facoltà di Lettere). Titolo della relazione: Il Prometeo incatenato: che genere di tragedia?
- 2008 Torino (27 maggio) Cambiare forma, DAMS, Dipartimento di Filologia, Linguistica e Tradizione classica e dal Centro Studi sul Teatro Antico. Titolo relazione: La metamorfosi in scena: la patologia di Io nel Prometeo incatenato.
- 2008 (9, 10, 11 ottobre) Colloque Corps en Jeu, Université Toulouse II-Le Mirail 2008. Titolo relazione: Le corps théâtral entre texte et mise en scène: Prométhée et Iô, deux exemples extraordinaires du Prométhée enchainé.
- 2008 Locarno, LE ROCCAFORTI DEL MONDODa Ilio a Guantanamo, da Omero a Dario Fo. La storia infinita del trauma e della cura.
- 2009 Toulouse II – Le Mirail Carnaval, Politique et Comédie : bilan et perspectives (9 et 10 décembre)
- 2010 Pavia Convegno Internazionale, La storia sulla scena attica di V secolo (18-20 febbraio)
- 2010 Firenze Visioni dell’antico II, Convegno di studi interdottorale (8 ottobre 2010)
-2011 Parigi, Incontro di Studio (Ecole normale), Le choeur secondaire des Grenouilles d’Aristophane: quelques observations sur la performance (24-25 marzo)
- 2011 Barcellona, Giornata internazionale di studio presso l’Istituto di Filologia greca (relazione su Cinesia nelle Rane di Aristofane) (17-18 maggio)
-2011 Firenze Convegno di studi interdottorale (7 ottobre 2011), intervento su Biblioteche del mondo antico: a proposito dell’adversus indoctum di Luciano
-2012 Seconda Università degli Studi di Napoli S. Maria Capua Vetere, Convegno Filologia Teatro Spettacolo, Il prologo delle Ecclesiazuse di Aristofane: questioni di interlocuzione (vv. 30-115) 7 -9 Giugno
-2012 Barcellona, Istituto di Filologia catalana, Seminario su G.Giraldi Cinzio (29 maggio)
-2012 Parigi, École Normale Supérieure, Jeudi 31 mai et vendredi 1er juin 2012, Humanités numériques outre-Atlantique : édition des textes et recherche interdisciplinare, intervento su Un exemple entre Multischolia et Encyclopédie. La dance: Empuse dans les Grenouilles.
- 2012 Università di Barcelona. Convegno internazionale di studio presso l’Istituto di Filologia greca (27-28 settembre) su La coralità. Relazione: Sulla nuova “coralità” nelle Ecclesiazuse di Aristofane;
- 2013 Università di Siena. Convegno di studio Come si traduce? (15-16 marzo). Relazione: Tradurre la tragedia: Deianira ed Eracle nelle Trachinie di Sofocle;
- 2013 Università di Roma, Theatron - Teatro antico alla Sapienza. Convegno Dell’arte del tradurre: problemi e riflessioni (31 Maggio). Relazione: Come tradurre le Trachinie di Sofocle;
- 2013 Università di Barcelona, Istituto di filologia greca, Convegno internazionale su La coralità (26 settembre). Relazione: La coralità nella commedia aristofanea frammentaria (Aristoph. fr. 264 K.-A.).



Convegni organizzati presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Ferrara

2004 (mercoledì 5 maggio, Ferrara, Ridotto del teatro comunale) Giornata di studio su
Il corpo teatrale tra testi e messinscena.
2005 (mercoledì 23 novembre, Ferrara Biblioteca Ariostea) Giornata internazionale di studio su L’Inno omerico (VII) a Dionisio e la iconografia relativa.
2009 Convegno internazionale e interdottorale Ritmo, parola, immagine. Il teatro classico e la sua tradizione (17-18 dicembre).
2012 Seminario internazionale di studi. Gli Uccelli di Aristofane: mito, lingua, musica, scena (3 Dicembre) con la partecipazione di Bernhard Zimmermann (Albert-Ludwigs-Universität Freiburg); Silvia Milanezi (Université Paris-Est Créteil- CRHEC); Elena Fabbro (Università di Udine); Alessandro Grilli(Università di Pisa).
2012 Giornata internazionale di studi Generi letterari e performance. La tradizione dell’oralità (8 Ottobre), con la partecipazione di Antonio Aloni (Università di Torino); Alessandro Iannucci (Università di Bologna - sede Ravenna); Stefano Jedrkiewicz; Xavier Riu (Università di Barcelona).





Collaborazione a Riviste scientifiche e ad attività editoriali

Membro della redazione in qualità di responsabile della Sezione testi di Dioniso n.s., Annale della fondazione INDA (2000-2007) e quindi di Dionysus ex Machina , rivista on line pubblicata nel sito dell’Editore Palumbo di Palermo (2010ss.).
E' stato membro della redazione degli Annali dell'Università di Ferrara- Sezione Lettere e dal 2006 degli Annali on line Lettere, di cui ora (2010-) è direttore responsabile.
E’ stato delegato del Rettore per UnifePress, marchio editoriale dell'Ateneo di Ferrara (2008-10).

Associazioni
E’ iscritta alla Consulta di Filologia Classica e alla Società di Antropologia e mondo antico.


Attività didattica

Ha svolto annualmente, senza soluzione di continuità, a partire dall'a.a. 1969-1970, un corso di esercitazione per l'insegnamento di Letteratura greca I (prof. B. Marzullo) e quindi dall'a.a. 1981-1982 per l'insegnamento di Letteratura greca II ( prof. V. Tammaro ), svolgendo una delle parti istituzionali del programma d'esame: Grammatica storica della lingua greca, Metrica greca, lettura e commento di testi in programma ( Omero, Lirici , Aristofane, Euripide, Platone, Aristotele etc.).
Ha guidato, con la stessa regolarità, seminari di addestramento alla ricerca scientifica o gruppi di studio, sia in appoggio all'insegnamento ufficiale del prof. B. Marzullo, che a quello del prof. V. Tammaro.
Negli anni accademici 1982-1983, 1983-84 ha tenuto un Corso propedeutico di Lingua greca, istituito presso l'Istituto e quindi Dipartimento di Filologia Classica e Medioevale, per laureandi in Filosofia greca.
Ha seguito studenti del prof. B. Marzullo e del prof. V. Tammaro nella preparazione della tesi, partecipando a sedute degli esami di laurea in veste di correlatore e, occasionalmente, come commissario (supplente).
Ha fatto regolarmente parte, in ogni appello, della commissione d'esami di Letteratura Greca I (prof. B. Marzullo), di Letteratura greca II (prof. V. Tammaro), di Filologia greco-latina (prof. B. Marzullo) e di Filologia greca (prof. R. Tosi).
Nell'a.a. 1991-1992 le è stato attribuito dalla Facoltà di Magistero dell'Università di Ferrara l'affidamento del corso di Storia della cultura classica. Nello stesso a.a. ha tenuto, presso la suddetta Facoltà, seminari per il corso di Letteratura italiana , tenuto dal prof. W. Moretti e un ciclo di lezioni in appoggio al corso di Storia della scenografia, tenuto dal prof. M. De Marinis presso la Facoltà di Lettere (DAMS) dell'Università di Bologna .
Negli a.a. 1992-93 ,1993-94, 1994-95, 1995-96, 1996-97, 1997-98, 1998-99, 1999-2000 le è stato conferito dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Ferrara l’affidamento di Letteratura greca. Negli anni 1992-93, 1993-94, 1994-95, 1995-96 le è stato altresì attribuito l’affidamento di Storia della civiltà e della tradizione classica e negli anni 1996-97, 1998-99, 1999-2000 le è stato attribuito l’insegnamento di Storia della filologia e della tradizione classica. Fino al 29-2-1996 ha tenuto corsi di esercitazione presso l'Università di Bologna in appoggio all'insegnamento di Letteratura greca I (prof. V. Tammaro) e seminari sul teatro greco per l'insegnamento di Storia dello spettacolo (prof. M. De Marinis).
Dall'anno 1999-2000 all'anno 2006-2007 ha tenuto regolarmente ogni anno il corso di Didattica del greco per la classe A052 della SSIS (Università di Ferrara).

Dal 2000-01 insegna in qualità di PA straordinario, dal 2004 di PA confermato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Ferrara e dal 2010 di PO. La propria attività didattica si è svolta e si svolge nell'ambito di:
1) Corso di Laurea in Lettere e Filosofia quadriennale - indirizzo classico e moderno: corsi di 1) Letteratura greca I-II; 2) Storia della filologia e della tradizione classica (corso mutuato dal CdL in Lingue come Teatro e drammaturgia dell'antichità); modulo di Drammaturgia classica per il suddetto corso di Lingue e per l'insegnamento di Storia del teatro del collega D.Seragnoli (per il solo a.a. 2000-2001);
2) Corso di Laurea in Lettere e Filosofia triennale: corsi di Letteratura greca I-II per l'indirizzo classico; Introduzione alla cultura classica per gli indirizzi classico, filologico-lett., storico-geografico;
3) Corso di Laurea in AIMUS (Arti dell'Immagine, della Musica e dello Spettacolo) triennale ed ora presso il corso di Comunicazioni e di Lettere: corso di Teatro e drammaturgia classica;
4) Ha tenuto i corsi di Letteratura greca e di Storia della Filologia e della tradizione classica per la LS in Studi Filologici, culturali e letterari dall'a.a.2004-5 all'a.a. 2006-7.
5) Coordinamento dei corsi di Greco elementare (primo e secondo livello);
6) Ciclo annuale di lezioni per il dottorato di Facoltà in Modelli, linguaggi e tradizioni nella cultura occidentale (Curriculum : Arti Performative)
7) SSIS indirizzo linguistico letterario (A052) : corso di Didattica del greco (con supervisione del laboratorio connesso) e seminario (6 crediti aggiuntivi) per la classe A052. La sottoscritta è stata altresì coordinatrice dell'indirizzo linguistico-letterario della SSIS per il triennio 1999-2002.
8) Dal 2005-2006 ha tenuto un corso di Storia dello spettacolo antico all'interno della Laurea specialistica di Discipline teatrali presso l'Università di Bologna e nell'anno 2008-2009 tiene lo stesso corso per la LM di Italianistica, culture letterarie europee, scienze linguistiche.
9) Per l'a.a. 2008-2009 è titolare di due moduli (Letteratura latina e Discipline dello spettacolo I ) presso la Facoltà di Lettere, Musica e Spettacolo dell'Università telematica e-Campus.
10) Dal 2009-2010 insegna Fonti letterarie antiche presso la LM 2 Archeologia (Facoltà di Scienze).
11) Dal 2009-2010 tiene i corsi di Lingua e letteraura greca I-II per la LT Lingue e Letterature antiche e moderne e per la LM 14 (interateneo con Bologna) Letteratura greca. Permanenza e tradizione dei classici e Il teatro classico e la sua tradizione.

Pubblicazioni

1. Osservazioni su HOM. W 266 etc., «Museum Criticum» V-VII (1970-72) 45-53;
2. SAPPH. fr.120 V., «Museum Criticum» VIII-IX (1973-74) 107-110;
3. AEOL. INC. AUCT. fr.1 V., «Museum Criticum» X-XII (1975-77) 57-60;
4. La datazione di HOM. Hymn.Pan, «Museum Criticum» XIII-XIV (1978-79) 7-22;
5. Nota al nuovo Archiloco, «Museum Criticum» XIII-XIV (1978-79) 39-40;
6. SAPPH. fr.1, 17ss. V., «Museum Criticum» XIII-XIV (1978-79) 73-80;
7. SAPPH. fr. 121 V., «Museum Criticum» XIII-XIV (1978-79) 81-89;
8. SAPPH. fr.55 V., «Museum Criticum» XV-XVII (1980-82) 29-36;
9. Note ad ARCHILOCO (P.Col. 7511), «Museum Criticum» XVIII (1983) 7-19;
10.Qšwroj nome parlante (ARISTOPH.Vesp.42ss., etc.), «Museum Criticum» XIX-XX (1984-85) 71- 85;
11. THEOCR. VII 61s., «Museum Criticum» XXI-XXII (1986-87) 267-275;
12. HMerc. 304ss., «Museum Criticum» XXIII-XXIV (1988-89) 33-46;
13. ARISTOPH. Nub. 969ss. (Frinide e le Muse), «Museum Criticum» XXIII-XXIV (1988-89) 189-200;
14. Introduzione , note , aggiornamento bibliografico dell' edizione italiana di H.Kindermann, Das Theaterpublikum der griechischen Antike, Firenze 1990;
15. Teatro del corpo e teatro di parola in Grecia e Magna Grecia, «Dioniso» LXI 2 (1991) 231-243;
16. Osservazioni al primo Epodo di Strasburgo (ARCH. fr. [79a]D3. = HIPP. fr.dub. 115,9ss.W.2), «Museum Criticum» XXV-XXVIII (1990-93) 23-29;
17. L'eroe e il tiranno: una comunicazione impossibile (ALCAE.fr.129, 21ss.V.), «Museum Criticum» XXIX (1994) 59-73;
18. Appunti per una analisi drammaturgica dei testi classici (EUR. Med.1385, ARISTOPH. Av. 1ss.), Atti del XIV congresso internazionale di studi sul dramma antico, «Dioniso» LXIII 2 (1993) 227-246;
19. ARISTOT. Poet. 1452b 9-13, «Museum Criticum» XXX-XXXI (1995-96) 189-216;
20. Il Satiro dell’Aminta e la sua tradizione classica, in Atti del Convegno “Tasso e l’Università”, Firenze (Olschki) 1997, pp.357-371;
21. ARISTOPH. Eq. 37ss. (Una preghiera al pubblico), “Museum Criticum” XXXII-XXXIII (1997-2000) pp. 81-92;
22. SAPPH. fr. 57 V. (Una rivale priva di stile), “Museum Criticum” XXXII-XXXV (1997-2000) 7-23;
23. B. Marzullo. Scripta Minora, edd. A.M.Andrisano et al., Hildesheim, Olms 2000;
24. Iambos in Alcaic lyric, in Iambic ideas. Papers on the greek and roman tradition (Atti del Convegno Internaz.di Studi -Trento 26-27 nov. 1998) , edd. A.Aloni., A.Barchiesi, A.Cavarzere, Boulder, CO (Rowman & Littlefield) 2001, pp.41-63;
25. Empusa nome parlante (ARISTOPH. Ran. 288 ss.), in Spoudaiogeloion. Form und Funktion der Verspottung in der aristophanischen Komoedie (Atti del Convegno Internazionale, Friburgo 5-7 luglio 2001), Stuttgart -Weimar 2002, pp. 273-297, 373-94;
26. Patrizi e il meraviglioso: le fonti classiche, in Francesco Patrizi filosofo platonico nel crepuscolo del Rinascimento (Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del IV centenario dalla morte di F. Patrizi da Cherso, Ferrara 1997), a c. di P. Castelli, Firenze (Olschki) 2002, pp. 65-72;
27. La definizione dello spazio scenico nei Sette (Atti del Seminario Internazionale sul tema: I Sette a Tebe. Dal mito alla letteratura, Torino, febbraio 2001), Bologna, Patron, (2002) pp.125-44;
28. Les performances du Symposion de XÉNOPHON, in Symposium. Banquet et représentations en Grèce at à Rome. Colloque international, Toulouse (7-9 mars 2002), "Pallas" 56 (2002), pp. 30-46;
29. Osservazioni al Prologo delle Trachinie di SOFOCLE: Deianira donna d'Etolia (vv.1-14), "Annali dell'Università di Ferrara- Sezione di Lettere" III (2002), pp. 29-49, in collaborazione con Daria Bertolaso
che ha curato le note;
30. Lo spettacolo privato del simposio senofonteo: riflessioni a proposito dell’esegesi di IX 5-6, "Annali dell'Università di Ferrara- Sezione di Lettere" IV (2003), pp. 13-30;
31. La complicità di Pilade in Eur. Or.33 , una interpolazione?, in Filologia e tradizione greca, Miscellanea di studi in onore di Aristide Colonna, a c. di F.Benedetti e S.Grandolini, Roma 2003, pp.29-41;
32. Un dialogo aristofaneo tra servo e padrone. (L’interlocuzione di Ran. 309-315) "Itaca. Quaderns Catalans de Cultura Clàssica" 19 (2003), pp. 9-15;
33. Il prologo delle Eumenidi eschilee. Clitemestra immagine di sogno (vv. 104s.), "Dioniso" 3 (2004), pp. 36-51;
34. Lo studio dei classici nel rinascimento presso l'Università di Ferrara:la riflessione teorica di G. Giraldi Cinzio nella Lettera sovra il comporre le satire atte alle scene, "Annali di storia delle Università italiane" 8 (2004), pp.35-49;
35. La lettera overo discorso di G. Giraldi Cinzio sovra il comporre le satire atte alle scene: tradizione aristotelica e innovazione, in Scrivere leggere interpretare. Studi di antichità in onore di Sergio Daris, Trieste 2005, pp. 1-9 http://www.sslmit.univ.trieste.it/crevatin/franco_crevatin_homepage.htm;
36. Le Amazzoni: mito e attualità, in Il mito dell’amazzone, l’immagine della donna in armi, a c. di F.Giromini - R.Roda, Mantova 2005, pp. 215-231;
37. Il corpo teatrale, in Il corpo teatrale tra testi e messinscena. Dalla drammaturgia classica all'esperienza laboratoriale contemporanea (a c. di A. M. Andrisano), Roma 2006, pp. 15-30;
38. Il pubblico del teatro greco: donne in "maschera"alla prima? in Il corpo teatrale tra testi e messinscena. Dalla drammaturgia classica all'esperienza laboratoriale contemporanea (a c. di A. M. Andrisano), Roma 2006, pp. 125-142 (in collaborazione con E.Pavini);
39. Le ali sulla scena: realtà fittizia e metafora. A proposito delle Eumenidi di Eschilo e degli Uccelli di Aristofane, “Linguistica e Letteratura XXXI”(2006), pp.11-36;
40. Il mito delle Amazzoni tra letteratura e attualità, “Annali - On line di Ferrara - Lettere”, I 2 (2006) 43-59;
41. Le public féminin du théâtre grec. A propos de la Lysistrata d’Aristophane, “Methodos” 7 (2007), pp. 1-12 http://methodos.revues.org/;
42. Les Érinyes Apteroi, une épithète ambiguë chez Eschyle Eum. 51, in C.Moussy & A.Orlandini (dir.), L’ambiguïté en Grèce et à Rome, Paris 2007;
43. Empusa, nome parlante di un mostro infernale (Aristoph. Ran. 288ss.), in Animali, animali fantastici, ibridi, mostri (a c. di A.M.Andrisano), Speciale I, “Annali - On line di Ferrara - Lettere” (2007), 21-44;
44. Biblioteche del mondo antico. Dalla tradizione orale alla cultura dell’impero (a c. di A.M.Andrisano), Roma (Carocci) 2007;
45. Alceo, poeta giambico, nella biblioteca di Luciano, in Biblioteche del mondo antico. Dalla tradizione orale alla cultura dell’impero (a c. di A.M.Andrisano), Roma (Carocci) 2007, pp. 101-126;
46. La lettera overo discorso di G. Giraldi Cinzio sovra il comporre le satire atte alle scene: tradizione aristotelica e innovazione, in P.Cherchi, M.Rinaldi e M.Tempera (a c. di), Giovan Battista Giraldi Cinzio Gentiluomo ferrarese, Firenze 2008, pp. 17-27;
47. Elettra, Pilade e le porte del palazzo. Interlocuzione ed esegesi di Eur. Or. 1281-6, in G.Avezzù (a c. di), Didaskaliai II. Nuovi studi sulla tradizione e l'interpretazione del dramma attico, Verona 2008, pp.117-132;
48. La favola di Orfeo. Letteratura, immagine, performance (a c. di A.M.A.-P.Fabbri), Ferrara 2009, ISBN978-88-96463-01-7.
49. Il mito di Orfeo tra poesia e prosa. Citazioni e riscritture in Luciano di Samosata (Imagines, Adversus indoctum) in La favola di Orfeo. Letteratura, immagine, performance (a c. di A.M.A.-P.Fabbri), Ferrara 2009, pp.35-57;
50. Il teatro è un’arte visiva, Dionysus ex machina I (2010) pp. 205-214,
51. Il coro delle rane (Aristoph. Ran. 209-68): non solo musica!, in Comicum choragium.Effetti di scena nella commedia antica (a c. di G.Petrone- M.M.Bianco) (Atti convegno internazionale, Palermo), Palermo 2010, pp.9-31;
52. Le corps théatral entre texte et mise en scène: l’exemple du Prométhée enchaîné, in Corps en jeu de l’Antiquité à nos jours, (Atti di convegno internazionale, Toulouse) sous la direction de M.-H. Garelli - V. Visa-Ondarçuhu, Presses Univ. de Rennes 2010, pp. 221-34;
53. Umberto Albini e Dario Del Corno, studiosi di teatro antico, Annali online di Ferrara - sezione Lettere Vol. VI nn. 1-2 (2011), pp. 373-81 ISSN 1826-803X
http://annali.unife.it/lettere/;
54. Franco La Polla, la serietà nel gioco e… il musical, Annali online di Ferrara - sezione Lettere Vol. VI nn. 1-2 (2011), pp. 313-318 ISSN 1826-803X http://annali.unife.it/lettere/;
55. Ritmo, parola, immagine: termini chiave della ricerca teatrologica. A proposito dell’agone delle Rane aristofanee, in Ritmo, parola, immagine. Il teatro classico e la sua tradizione (Atti del Convegno Internazionale e Interdottorale, Ferrara, 17-18 dicembre 2009), La Biblioteca di DeM I (2011), pp. XI-XXXIII 2011 ISBN 9788860172228 http://dionysusexmachina.it/
56. Multiple Models and Horace: Epodes 1, 3 and 5, Papers of the Langford Latin Seminar 15 (2012) pp. 285–302.
57. Dieci domande a Claudio Longhi, regista di "Prometeo" (Siracusa, maggio-giugno 2012), DeM III (2012), pp. 281-292, http://dionysusexmachina.it/ ;
58. La ricerca sulla drammaturgia classica presso l’Università di Ferrara. Uno studio a proposito dell’Agamennone di Eschilo: Atridi di fragmateatro, coautori E. Bianca - L. Fiorentini, DeM III (2012), pp. 459-481 http://dionysusexmachina.it/;
59. Deux notes à la Poétique de Diego Lanza, en Diego Lanza, lecteur des oeuvres de l’antiquité. Poésie, philosophie, histoire de la philologie (En présence de Diego Lanza. Journées d’étude: Diego Lanza, lecteur des œuvres de l’Antiquité, Lille, 14-15 marzo 2008), Villeneuve d’Ascq, Presses Universitaires du Septentrion 2013, pp.117-19;
60. Le Chœur des Grenouilles (Aristoph. Ran. 209-68): Musique et pas seulement!, AOFL VIII 2 (2013) pp. 87-104, http://annali.unife.it/lettere/;
61. Due donne anonime e la corifea sulla scena delle Ecclesiazuse di Aristofane (vv. 1-284), AOFL VIII 2 (2013) pp. 105-34, http://annali.unife.it/lettere/;
62. Il prologo delle Ecclesiazuse di Aristofane: questioni di interlocuzione, Dioniso n.s. III (2013) in c. di s.



Recensioni e Schede

1. A.Aloni (a c. di), Saffo, «Lexis»XVI (1998), 275-278;
2. A.Bierl, Die Orestie des Aischylos auf der modernen Bühne. Theoretische Konzeptionen und ihre szenische Realisierung, «Eikasmos» IX (1998), pp.287-292;
3. A.M.Belardinelli- O.Imperio - G.Mastromarco - M.Pellegrino - P.Totaro, Tessere. Frammanti della commedia greca: studi e commenti (1998), in Rezeption des Antiken Dramas auf der Bühne und in der Literatur, Drama 10, Stuttgart . Weimar 2001, pp.313-328.

1. Tra scena e cavea: Pluto di Aristofane, «Dioniso» LXI (1991) 311-313;
2. Platone. Apologia di Socrate. Critone, a c. di M. M. Sassi (Milano, Rizzoli, 1993), «L’Indice» 5 (1994);
3. M.C.Howatson (a c. di), Dizionario delle letterature classiche (Torino, Einaudi, 1993), «L’Indice» 5 (1994);
4. J.D.Denniston.Lo stile della prosa greca (Bari, Levante, 1993), «L’Indice» V (1994);
5. Ermete Trismegisto. La pupilla del mondo, a c. di C. Poltronieri-G. Filoramo (Venezia, Marsilio 1994), «L’Indice» 4 (1995);
6. C.Molinari (a c. di), Il teatro greco nell’età di Pericle (Bologna, Il Mulino 1994), «L’Indice» 4 (1995);
7. Luciano di Samosata. Descrizioni di opere d’arte, a c. di S.Maffei (Torino, Einaudi, 1994), «L’Indice» 4 (1995);
8. Plutarco.Consigli ai politici, a c. di G.Giardini (Milano, Rizzoli, 1995), «L’Indice» 10 (1995);
9. M.Bettini (a c. di), La letteratura latina, voll.I-IV (Firenze, La Nuova Italia, 1995), «L’Indice» 10 (1995);
10.Tra scena e cavea: Fedra di AA.VV., «Dioniso» LXV (1995) 90-93;
11. C.F.Russo, Aristophanes. An author for the stage (London,Routledge& Kegan, 1994), «L’Indice» 1 (1996);
12. Aristofane. Le Nuvole, a c. di F.Turato (Venezia, Marsilio, 1995), «L’Indice» 3 (1996);
13. Eschilo. Le Coefore, a c. di R. Sevieri (Venezia, Marsilio, 1995), «L’Indice» 3 (1996);
14. Apollodoro. Biblioteca, a c. di G.Guidorizzi (Milano,Adelphi, 1995), «L’Indice» 3 (1996);
15. P.Cuzzolin (a c. di), Studi di linguistica greca, «Lingua e Stile» XXXI 4 (1996) 685-87;
16. G. Guidorizzi, La letteratura greca. Testi Autori Società (Milano, Einaudi scuola, 1996), «L’Indice» 1 (1997);
17. Tucidide. La disfatta a Siracusa(Storie VI-VII), a c. di A.Corcella (Venezia, Marsilio,1996), «L’Indice» 1 (1997);
18. Aristotele. Retorica, a c. di F.Montanari-M.Dorati (Milano, Mondadori 1996), «L’Indice» 1 (1997);
19. S.Jedrkiewicz, Il convitato sullo sgabello. Plutarco, Esopo e i Sette Savi, «L’Indice» 8 (1998);
20. N.Loraux, Nati dalla terra. Mito e politica ad Atene, «L’Indice» 9 (1999) 33;
21. M.G.Ciani (a c. di), Euripide, Franz Grillparzer, Corrado Alvaro, Medea. Variazioni sul mito (Venezia 1999), «L’Indice» 2 (2000) 48;
22. M.G. Ciani- S.Mazzoldi (a c. di), Sofocle, Aiace (Venezia 1999), «L’Indice» 2 (2000) 48;
23. Didaskaliai. Tradizione e interpretazione del dramma attico, a c. di G.Avezzù (Univ. di Padova 1999), «L’Indice» 12 (1999), 44;
24. F. Conti Bizzarro, Poetica e critica letteraria nei frammenti dei poeti comici greci (Napoli 1999), «L’Indice» XVII 2 (2000) p.48;
25. C.Montepaone, Lo spazio del margine. Prospettive sul femminile nella comunità antica (Roma 1999), «L’Indice» 2 (2000) p.48;
26. G.Guastella (a c. di), L’imperatore Claudio (Venezia 1999), «L’Indice» 2 (2000) p.32;
27. A.Stramaglia (a c. di), Res inauditae, res incredulae. Storie di fantasmi nel mondo greco-latino; «L’Indice» 2 (2000) p.48;
28. M.Vetta (a c. di), La civiltà dei greci. Forme, luoghi, contesti, «L’Indice» 11 (2002), p.21;
29. C. Barone- V.Faggi, Le metamorfosi del fantasma. Lo spettro sulla scena tragica: da Eschilo a Shakespeare (Palumbo 2002), «L’Indice» 4 (2003), 21.

Finanziamenti recenti Fondazione CariFe

11/06/04 euro 6.500
17/11/05 euro 7.000
06/04/06 euro 10.000
14/06/07 euro 10.000
5/5/2008 euro 6000


Ferrara, febbraio 2014